Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

16 Nov 2011

Lorenzo Ornaghi al Mibac

lorenzo-ornaghi.jpg E’ da oggi il nuovo Ministro dei Beni Culturali. Lorenzo Ornaghi è nato a Villasanta il 25 ottobre 1948. E’ Rettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore dal 1° novembre 2002. Presso lo stesso Ateneo dirige dal 1996 l’Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali (ASERI).

Si è laureato in Scienze politiche nel 1972 all’Università Cattolica di Milano e vi ha lavorato come ricercatore fino al 1987, quando è diventato professore associato presso l’Università di Teramo. Nel 1990 è ritornato alla Cattolica di Milano, diventando titolare della cattedra di Scienza politica, nella facoltà di Scienze politiche, cattedra già del suo “maestro” Gianfranco Miglio, e di quella di Storia delle dottrine politiche. Dopo essere stato pro-Rettore con incarico alle relazioni internazionali durante il rettorato del professor Sergio Zaninelli, nel 2002 è stato eletto Rettore. Autore di numerosi volumi e di saggi pubblicati su riviste italiane e internazionali, negli ultimi anni, oltre che alle indagini sul sistema politico e sulle élite dell’Italia, si è dedicato allo studio dell’integrazione politico-istituzionale dell’Europa e al tema della Costituzione europea.

Lorenzo Ornaghi riveste diversi incarichi di prestigio in enti pubblici e privati:

è direttore dell’ASERI (Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali);

è direttore della rivista “Vita e Pensiero”;

è vicepresidente del quotidiano Avvenire;

è vicepresidente della Fondazione Vittorino Colombo di Milano;

è membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Policlinico IRCCS Milano;

nel 2006 ha ricevuto l’Ambrogino d’oro dal Comune di Milano.

La sua attività scientifica è soprattutto orientata all’analisi delle trasformazioni dello Stato e della società, allo studio dell’integrazione politico-istituzionale dell’Europa, alle indagini sulle forme di rappresentanza e organizzazione degli interessi. Dal 2001 è, per un quinquennio, Presidente dell’Agenzia per le Onlus.

Lascia un commento