Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

22 Dic 2011

Georgia O’Keeffe al Museo Fondazione Roma. L’America è ancora da scoprire

 di Sarah Palermo -

La Fondazione Museo Roma di via del Corso è diventata un luogo dove incontrare e conoscere i talenti americani ancora non del tutto entrati nella rosa degli artisti conosciuti qui in Italia.  Ecco perché, dopo il grande successo di pubblico di Edward Hopper nel 2010, il 4 ottobre del 2011 le porta del grande Palazzo Cipolla sono state aperte ad un’altra interprete dell’arte statunitense: Georgia O’Keeffe.
L’evento espositivo, nelle sale fino al 22 gennaio 2012, racconta e fa appassionare tutti coloro che ancora non la conoscono al lavoro di questa grande artista che ha vissuto ben 98 anni e offre un percorso trasversale della sua vita e delle sue opere.

1117430245-georgiaokeeffe-summer-days.jpgimages.jpg1128678035_large-image_251_461_petunias_in_oval_1924_lg.jpg
La prima cosa che si nota passeggiando nelle sale della Fondazione Roma è la grande attenzione all’ambientazione che descrive i luoghi e i paesaggi che sono stati i temi principali dell’arte di Georgia O’Keeffe.  Una donna dalla personalità complessa che ha vissuto momenti tanto diversi quanto importanti nella sua esistenza, dal trasferimento dal piccolo paesino del Wisconsin all’approdo alle luci e alla vita di New York dove incontrerà l’uomo che segnerà la sua passione e la introdurrà nell’ambiente artistico delle gallerie e delle avanguardie, il fotografo Alfred Stieglitz.
Fu proprio con lui, suo marito, che trascorse gli anni migliori, tra la Grande Mela e la casa al Lake George che la lasciò libera di ispirarsi ai suoi Calla Lilies e Petunia No. 2 degli anni ’20, i fiori dalla linea ovale che celebrano la sensualità e la sessualità delle forme presenti in natura.
Dopo la morte del suo compagno Stieglitz, Georgia deciderà di trasferirsi definitivamente in New Mexico.  Proprio qui la sua arte subirà un mutamento, non abbandonerà mai il tema della natura, ma i colori caldi ed esotici di questa terra influenzeranno potentemente la sua arte come si vede nelle immagini di ossa essiccate al sole nel suo studio di Ghost Ranch, interamente ricostruito in mostra, nella casa di Abiquiu.
Scoprire Georgia O’Keeffe significa scoprire i mille volti dell’America.

Info:
Georgia O’Keeffe
Museo Fondazione Roma, Palazzo Cipolla
Via del Corso, 320
Dal 4 ottobre 2011 al 22 gennaio 2012

Lascia un commento