Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

29 Dic 2011

Pandolfini chiude l’anno con un + 10% rispetto al 2010 e un totale di 11.763.100,00

copia-di-lotto-343-lucio-fontana.jpg Per Pietro De Bernardi amministratore delegato di Pandolifini è chiaro che la moda e le tendenze hanno ormai indirizzato il gusto dei clienti verso l’arte moderna e contemporanea, mentre per  il ritorno dell’alta epoca bisognerà aspettare, ma la fase peggiore sembra passata. Intanto per il 2011 la Casa d’Aste  chiude l’attività con un totale aggiudicato di 11.763.100,00 euro con un + 10% rispetto al 2010.

“Il numero delle vendite tenute da Pandolfini nel corso del 2011 - dichiara  De Bernardi - è stato pari a quello delle sessioni tenute nel 2010 ma  il fatturato  raggiunto è stato pari ad € 11.763.100 contro un totale nel 2010 di  € 10.618.997.

“Siamo molto soddisfatti  - prosegue De Bernardi - dell’andamento delle vendite del 2011 perché parliamo di una crescita del venduto pari a circa il 10%, risultato non di poco conto se consideriamo il contesto macroeconomico nel quale è stato ottenuto.

Segnaliamo anche che il numero dei lotti proposti è stato minore rispetto allo scorso anno e ciò è stato frutto di una attenta selezione del materiale e di una profonda valutazione della situazione di mercato, che ha portato la casa d’aste ad incrementare in modo deciso le percentuali di venduto ma soprattutto a accrescere il valore medio unitario dei lotti proposti e venduti. Tale scelta risponde ad una precisa tendenza del mercato che richiede sempre più opere di qualità in tutti i campi del collezionismo le quali ottengono in asta risultati notevoli, forse anche superiori a quelli ottenuti da opere analoghe in anni  precedenti. Permane invece la difficoltà di vendita per oggetti di livello medio che, se non sono proposti con stime invitanti, facilmente risultano unsold.”      

“Vorrei poi in questa sede fare una riflessione relativa al mercato dell’antiquariato in generale, dove con questa parola consideriamo i settori dei mobili, degli arredi, degli oggetti d’arte e dei dipinti antichi: prescindendo dal fatto, ormai acclarato, che la moda e le tendenze hanno ormai indirizzato il gusto dei clienti verso l’arte moderna e contemporanea e che solo nel lungo periodo rivedremo un forte ritorno di interesse su questi settori, le due vendite di antiquariato organizzate da Pandolfini nel 2011 hanno avuto risultati eccellenti sia nelle percentuali di venduto che nelle aggiudicazioni raggiunte. Questo dato mi permette di supporre che la fase peggiore per questo mercato sia alle spalle e che si possa pensare adesso ad una fase più o meno lunga di stabilità dei prezzi. I clienti ci sono, il mercato è vivo e la correzione dei prezzi è stata probabilmente salutare e permetterà ai collezionisti di continuare ad incrementare le proprie raccolte.

Infine segnaliamo i notevoli risultati ottenuti con l’apertura del nuovo ufficio di Milano che ha attratto l’interesse di un pubblico numeroso e attento sia in occasione delle esposizioni di  selezioni di opere che fanno parte dei nostri cataloghi sia per sottoporre opere ed oggetti d’arte da inserire nelle future vendite.

Pandolfini: il totale venduto suddiviso per dipartimenti:

Dipartimento                                                   Totale aggiudicato con diritti asta 25%     

Mobili, Arredi, Oggetti d’Arte, Dipinti Antichi                           euro 3.721.125,00  

Argenti, Gioielli ed Orologi                                                            euro 1.710.812,00  

Dipinti del Sec. XIX ed XX                                                            euro    911.512,00  

Vini Pregiati e da Collezione                                                          euro    358.500,00  

Arte Orientale e Reperti Archeologici                                          euro 1.063.912,00  

Arte Moderna e Contemporanea,  Design                                    euro 2.121.639,00  

Aste di antiquariato minore organizzate  presso la sede secondaria di Firenze       euro 1.875.000,00      

Totale anno 2011                                                                            euro 11.763.100,00

Di seguito i Top Lots del 2011

Asta Argenti, Gioielli e Orologi da polso, 22 Novembre 2011

Lotto 430

Orologio da polso Audemars Piguet Royal Oak Offshore Barrichello II Chrono Limited Edition, Ref. 26078PO.00.D018CR.01, Es. 67/150, in platino e ceramica

Cassa tonneau in platino satinato, fondello chiuso da otto viti con logo Rubens Barrichello, corona a vite, lunetta in ceramica con otto viti, pulsanti rettangolari in ceramica, vetro zaffiro. Quadrante bicolore con parte centrale traforata con movimento a vista, anello rialzato periferico con scala tachimetrica, indici applicati e lancette con inserto luminescente, secondi cronografici al centro, datario ad ore 3, tre contatori con i registri delle 12 h, dei 30 min e secondi continui ad ore 6, 9 e 12. Movimento a carica automatica cal. 2326/2840. Cinturino in coccodrillo blu, chiusura deployante in platino. Diam. Mm 46.

lotto-430-orologio-da-polso.jpg

Stima € 20.000/30.000

Aggiudicazione € 62.500 comprensivi dei diritti d’asta

Asta Arredi, Mobili e Dipinti Antichi provenienti dalla famiglia Antinori-Buturlin ed altre proprietà private, 11-12 ottobre 2011

Lotto 452

Altobello Melone  (Cremona 1490/91-ante 1543)    

lotto-452-altobello-melone.jpg                                           

RESURREZIONE DI CRISTO , olio su tavola, cm 61×46 , sul retro: timbri in ceralacca ed iscrizione C. Morasso Adorno ,

Provenienza: già collezione Morasso Adorno, Genova; mercato antiquario,

Roma; collezione Prof. Luigi Grassi e Luciana Ferrara Grassi, Roma; eredi  Grassi-Ferrara, Firenze.

Stima € 30.000/40.000

Aggiudicazione € 124.200 comprensivi dei diritti d’asta

Asta Design e Arte Moderna e Contemporanea, 14 giugno 2011

lotto-343-lucio-fontana.jpg

Lotto 343

Lucio Fontana (Rosario di Santa Fè 1899 - Comabbio 1968)

CONCETTO SPAZIALE (FORMA), olio, squarcio e grafiti su tela (verde), cm 73×60, firmato sul retro: firma e titolo

eseguito nel 1963

Opera registrata presso la Fondazione Lucio Fontana con il n. 2420/1

Provenienza

Adriano Buzzati Traverso, Napoli

Galleria Niccoli, Parma

Collezione privata, Milano

Bibliografia

S. Takiguchi, “Arte Contemporanea”, in Misuzu, p.53, no. 25, Tokyo 1964

Enrico Crispolti, Lucio Fontana: catalogne raisonné des peintures, sculptures etenvironnements spatiaux, vol. II, pp. 138-139,

Brussels 1974

Enrico Crispolti, Lucio Fontana: catalogo generale, vol. II, p. 476, Milano 1986

Enrico Crispolti, Lucio Fontana. Catalogo ragionato di sculture, dipinti, ambientazioni, tomo II, p. 668, tav. 63 O 5, Milano 2006

Stima € 350.000/450.000

Aggiudicazione € 499.100 comprensivi dei diritti d’asta

Lascia un commento