Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

31 Mag 2012

Emergenza terremoto, il ministero crea una e-email per salvare il patrimonio artistico.

Dopo la grande scossa di martedi’, sono ripresi i sopralluoghi ai beni storico-artistici colpiti dal terremoto in Emilia. Sono compiuti da un corpo speciale dei vigili del fuoco insieme alla Direzione regionale del Ministero dei beni culturali, con una decina di squadre miste.

Questi primi sopralluoghi - ha spiegato l’architetto Carla Di Francesco, che guida la Direzione regionale - continueranno presumibilmente per un mese: solo dopo questa fase potranno riprendere le verifiche per la quantificazione dei danni e la valutazione dei costi d’intervento nei singoli casi.
Le quantificazioni erano state avviate dopo il primo terremoto del 20 maggio, ma sono state sospese dopo il secondo del 19 maggio, che ha provocato nuovi danni: ”eravamo gia’ pronti a intervenire - sottolinea - in alcuni casi come il torrino alto del Comune di Finale Emilia e una torretta a San Felice, quando e’ crollato tutto per il nuovo terremoto”.

1338292425012_foto.JPG

Ringraziando per l’aiuto offerto da esperti di molte citta’ italiane, l’architetto Di Francesco rinvia tutti alla seconda fase: ”e’ per la quantificazione che ci servira’ questo aiuto, ora dobbiamo fare i sopralluoghi urgenti”.
A lei e’ affidato l’Ufficio di coordinamento regionale del ministero, in corso di costituzione a Bologna, che dovra’ affrontare l’emergenza di concerto con Prefetture, Province, Protezione civile dell’Emilia-Romagna, le due soprintendenze ai Beni architettonici (Bologna competente anche per Modena e Reggio, e Ravenna per Ferrara), in raccordo con le analoghe Direzioni regionali del ministero per Lombardia e Veneto. Questo centro operativo a Bologna (a Sassuolo il magazzino-laboratorio per le opere trasportabili) si occupa del patrimonio danneggiato in Emilia e a Mantova, ma resta da decidere dove fara’ capo Rovigo, recentemente aggiunta alla mappa dell’emergenza.

fonte dati: ANSA

Emergenza terremoto - Province di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia
E’ stata creata una apposita casella di posta elettronica alla quale inviare tutte le segnalazioni di danni al patrimonio culturale o offerte di volontariato, collaborazioni e prestazioni : sisma2012@beniculturali.it

Lascia un commento