Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

6 Giu 2012

Diego Marani, Il cane di Dio, giallo pontificio

marani.jpg Esce il nuovo romanzo di Diego Marani, che sembra, dati i fatti di questi giorni, un instant book, ma invece non lo è: da autore felicemente appartato quale è, Marani scrivere un giallo con tutte le sue regole, suspense, intrighi e velocità d’azione, senza rinunciare alla raffinatezza dello stile, della lingua e all’analisi del mondo in cui viviamo. Un giallo pontificio che sembra tener conto di tutti gli intrighi del vatican leaks.
 
La trama: Un agente e il suo Vicario non dovevano mai vedersi né conoscersi. Non dovevano usare telefoni cellulari né posta elettronica. Ogni comunicazione fra di loro doveva essere esclusivamente orale. Questa era la prima regola di sicurezza degli agenti segreti della polizia pontificia.
 
Il mondo in un possibile futuro. Tutto inizia il giorno della santificazione di Papa Benedetto XVI. La Chiesa cattolica ha esteso il suo potere instaurando in Italia una teocrazia e controllando ogni aspetto della vita politica e sociale. Il Papa governa un feroce sistema inquisitoriale. L’eroe di questa sacra rappresentazione esplosa è Domingo Salazar. Orfano, allevato dai domenicani, è diventato un agente segreto pontificio, o meglio, un cane sciolto, che non disdegna l’amicizia del musulmano Guntur e combatte con ogni mezzo lecito e illecito gli atei, i negatori di ogni fede e senso dell’ordine cosmico. La sua filosofia è allontanare la Chiesa dagli uomini, renderla inaccessibile. L’incarico che Salazar ha ricevuto da un misterioso Vicario è di catturare Ivan Zago, l’imprendibile capo dei nemici della Chiesa, e di sventare l’attentato che incombe sulla cerimonia per la santificazione del Santo Padre. Ma nella polizia vaticana qualcuno ordisce altre trame e Domingo da cacciatore, sta per diventare preda. Diego Marani ci porta con il suo nuovo romanzo, veloce e pieno di sorprese, nel cuore segreto e inquietante di un nuovo impero del male.
 
DIEGO MARANI è nato a Ferrara nel 1959. Lavora alla Commissione europea a Bruxelles dove si occupa di politica del multilinguismo. È autore di diversi romanzi, tradotti in varie lingue, fra cui Nuova grammatica finlandese (Premio Grinzane Cavour 2000), L’ultimo dei vostiachi (Premio Selezione Campiello e Premio Stresa 2002), L’interprete, Il compagno di scuola (Premio Cavallini 2005), Come ho imparato le lingue (2005), Enciclopedia tresigallese (2006) e La bicicletta incantata (2007), da cui Elisabetta Sgarbi ha tratto il film Tresigallo, dove il marmo è zucchero, selezionato al Festival di Locarno. Diego Marani è anche l’inventore dell’Europanto, una lingua-gioco in cui ha scritto numerosi articoli per vari giornali europei e la raccolta di racconti Las adventures des inspector Cabillot.

Diego Marani
Il cane di Dio
Collana Narratori italiani, Pagine 182, Prezzo € 16,00    
In libreria il 6 giugno 2012

Lascia un commento