Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

1 Nov 2012

Milano. TAM-TAM: una nuova particolarissima scuola della creatività

Nasce a Milano una scuola di design (e non solo) che mette in discussione il concetto stesso di scuola e le tradizionali modalità di trasmissione del sapere. Il suo nome è TAM-TAM. Tra i docenti figurano personaggi del calibro di Alessandro Mendini, Giacinto di Pietrantonio e Maurizio Cattelan. Ed è completamente gratuita.

di Vittorio Schieroni

Logo TAM-TAM 

La notizia è abbastanza sorprendente: la prossima apertura di una scuola d’eccellenza che si occupa di attività visive del tutto priva di struttura, gerarchie e ruoli, che si avvale dell’apporto di intellettuali, architetti, designer e artisti di altissimo livello, priva di una sede fissa per i propri corsi, che avranno durata variabile e saranno totalmente gratuiti. TAM-TAM, che si presenta come una “scuola estrema”, prende forma da un’idea di Alessandro Guerriero, che ne sarà il direttore, Riccardo Dalisi e Alessandro Mendini. Avrà un approccio libero e creativo, fuori dagli schemi: un sistema basato sullo scambio e la condivisione di idee e competenze tra tutti i partecipanti, studenti e docenti, in maniera non univoca.

Con sede principale all’Aula 83 della NABA - Nuova Accademia di Belle Arti Milano in Via Darwin 20, ma coinvolgendo altre strutture e le stesse strade e piazze cittadine, TAM-TAM avrà un’offerta formativa con modalità di workshop, sotto la guida di noti progettisti e col supporto di tutor qualificati. Corsi serali, dalle ore 18 in poi, della durata di un giorno, una settimana, un mese o anche oltre impegneranno gli studenti per tutto l’anno in un ciclo di lezioni discontinuo.

Le più disparate declinazioni del design, temi legati alla socialità, al comportamento, al cibo o alla spazzatura, all’esperienza sonora o anche all’arte di non fare niente, per fare alcuni esempi, verranno affrontati dalla squadra di “Maestri”, tra i quali ricordiamo Marina Spadafora, Mauro Panzeri, Anna Gili, Maurizio Cattelan, Alessandro Mendini, Tony Cavadini, Bubble design, Thomas Raimondi, Luca Sacchetti, Kazuyo Komoda, Giacinto di Pietrantonio, Jacqueline Ceresoli, Franco La Cecla. A coordinare il tutto sarà l’omonima associazione culturale di promozione sociale senza fini di lucro fondata da Alessandro Guerriero, Margherita Sigillò, Giacomo Ghidelli e Cesare Castelli.

Aperta a tutti, con il solo requisito della maggiore età, con partecipazione libera e gratuita, TAM-TAM sarà accessibile senza il possesso di specifici requisiti di studio. I corsi della scuola saranno, in ogni caso, a numero programmato per garantire l’efficacia del percorso formativo e l’accesso alle strumentazioni e alle attività didattiche. Gli interessati dovranno sostenere un colloquio propedeutico di idoneità denominato “D-Factor” che si terrà in data da destinarsi presso la Triennale di Milano; nel corso del colloquio il candidato mostrerà un oggetto autonomamente progettato, restaurato o recuperato e dovrà spiegare la propria relazione con esso.

A selezionare i partecipanti sarà una Commissione composta dai fondatori dell’associazione, da docenti e tutor della scuola. I selezionati potranno accedere all’attività didattica e dovranno - come si legge nel comunicato stampa del progetto - impegnarsi a “ricambiare la gratuità del dono che questa esperienza costituisce dedicando alcune ore ad una delle associazioni senza fine di lucro che la scuola vorrà suggerire. Tempo in cambio del tempo, energie mentali in cambio di nuovi stimoli”, in un processo virtuoso di scambio e arricchimento.

Le frontiere tra le varie espressioni della creatività stanno diventando sempre più labili, in un avvicinarsi progressivo tra il mondo dell’arte, del design e della progettualità, della moda: questa iniziativa un po’ anarchica, un po’ provocatoria, un po’ folle, di assoluto interesse ne è una dimostrazione evidente. Quando un gruppo di intellettuali, artisti e progettisti decide di condividere le proprie competenze e confrontarsi con quelle altrui si assiste a qualcosa di speciale, si crea un valore aggiunto, un’occasione preziosa per produrre nuove idee. In attesa di seguire le evoluzioni di questa iniziativa, si auspica che essa possa effettivamente concretizzarsi e nel modo migliore. Non capita tutti i giorni di veder nascere una scuola-laboratorio che vuole invitare “i suoi protagonisti a vivere, anziché imparare a vivere”.

Info

TAM-TAM

Per informazioni sulla scuola, l’associazione e le modalità di iscrizione a esse consultare il blog http://tamtamtamblog.wordpress.com/ o scrivere a info@tam-tam-tam.org

Iscrizioni alla selezione: scrivere a casting@tam-tam-tam.org entro il 31 dicembre 2012

Presto on-line il sito Internet www.tam-tam-tam.org

Altri contatti: press@tam-tam-tam.org, 02.89699706

Lascia un commento