Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

17 Gen 2013

CONTANTE LIBERO: COME 100 EURO ELETTRONICI DIVENTANO 45 DOPO 100 PASSAGGI

contanti.jpg (P.M.P.) - Non bastasse l’inversione dell’onere della prova,  la retroattività della norma, così come prevede il Redditest, l’abolizione progressiva di ogni forma di privacy - roba che a chiunque, senza aver fatto giurisprudenza, abbia solo sentito a scuola qualche lezione di educazione civica  fa pensare ad uno stato di polizia - l’accerchiamento del cittadino, sempre più considerato “una media” piuttosto che una persona in carne ed ossa,  aggredisce altre libertà individuali - il vero nemico da battere - dal punto di vista dell’uso del suo denaro contante che oggi è ridotto a 1000 euro, domani magari a 50, come prevede una norma che dovrebbe scattare nel luglio di quest’anno.

E il cittadino si difende,  per fortuna, e  si generano reazioni, come quella di Contante Libero - lo trovi a http://www.contantelibero.it/ -  iniziativa promossa da alcuni cittadini che chiedono l’abolizione della norma varata dal governo Monti, e adesso in vigore, che non permette pagamenti  oltre  i 999 euro. Per questa ragione hanno dato vita a una serie di gesti di disubbidienza civile, tra cui l’acquisto in cash di un orologio dal valore di 1001 euro. Insomma una forma di disobbedienza civile.

Il prossimo passaggio sarà quello di proporre, spiega una nota, a tutte le forze in competizione in questa campagna elettorale l’abolizione della norma.

“A tutti, indistintamente, i candidati alle prossime elezioni, sarà chiesto che si adoperino per l’abrogazione della norma in vigore”. Successivamente, Contante Libero “organizzerà una convention a Bologna il 10 di febbraio prossimo. In quella sede saranno presentati i risultati della raccolta firme per l’abolizione della legge e il coinvolgimento delle istituzioni europee, affinché anche a Bruxelles prendano atto di una normativa che lede i diritti dei cittadini tutti”.

Contante Libero sostiene quindi di non voler “vivere in un tale incubo. Per questo chiediamo la vostra firma e la vostra adesione”.

Su un punto dei dieci del loro manifesto vale la pena di riflettere con molta, molta  attenzione: 100 euro in contanti dopo 100 passaggi di mano sono sempre 100 euro. 100 euro elettronici dopo 100 passaggi sono diventati 45 euro. 55 euro sono “svaniti” per finire in mano a Banche&affini.

Ecco i 10 Punti per Il Contante Libero 

1- Eliminare o limitare il CONTANTE è un grave atto contro la libertà dei cittadini.

2- Eliminare o limitare il CONTANTE significa affidarsi a canali elettronici tenuti sotto controllo da poche entità che avrebbero in mano il monopolio dei mezzi di transazione finanziaria. La Moneta Elettronica è lecita ed utile ma deve rimanere una Libera Scelta.

3-Eliminare o limitare il CONTANTE è un “regalo” alle Banche ed alla Finanza che guadagnano su tutti i pagamenti, salvo quelli in contanti.

4- Eliminare o limitare il CONTANTE significa colpire un MEZZO di pagamento semplice, efficace, poco costoso e uguale per tutti.

Affidarsi ai canali elettronici significa altresì dover sottostare al pagamento di commissioni ad ogni atto di pagamento. 100 euro in contanti dopo 100 passaggi di mano sono sempre 100 euro. 100 euro elettronici dopo 100 passaggi sono diventati 45 euro. 55 euro sono “svaniti” per finire in mano a Banche&affini.

5- Eliminare o limitare il CONTANTE significa perdere la proprietà diretta e MATERIALE dei propri risparmi che diventano virtuali, sotto la tutela ed il controllo di terzi. E’ pertanto possibile, con un semplice click, impedirci di accedere alla nostra liquidità o di prelevare i nostri risparmi, che appartengono solo a noi ed a nessun altro. In tempi di Grande Crisi e di rischio Default questo punto è quanto mai vitale ed importante.

6-  Eliminare o limitare il CONTANTE significa infliggere un durissimo colpo al nostro diritto alla PRIVACY.

“L’occhio di una telecamera” ci spierebbe 24 ore su 24, rendendoci soggetti non solo ad un controllo pervasivo ma anche arbitrario, in balia alle imprevedibili evoluzioni socio-politiche della Storia. Immaginate se un domani questo potere finisse in mano ad un novello Hitler o Stalin, o peggio, ad un banchiere.

7-  Eliminare o limitare il CONTANTE è contro la natura dell’uomo: otterrai solo un fiorente mercato nero.

8- Eliminare o limitare il CONTANTE come misura di Lotta all’Evasione è un’assurdità che nasconde i veri scopi dei promotori di questa “crociata”: il contante è un MEZZO ad ampia diffusione che solo marginalmente viene usato in modo illegale. La vera evasione passa attraverso ben altri canali, quasi tutti elettronici e sotto il controllo delle banche.

9- Invertendo lo slogan delle lobbies che vogliono eliminare il contante, possiamo affermare che “La difesa del contante è una vera e propria battaglia di civiltà” (e di libertà).

10- PER IMPEDIRE CHE AVVENGA L’ELIMINAZIONE DEL CONTANTE bisogna diffondere le nostre critiche razionali e far sentire il nostro grido di protesta e disapprovazione.

Lascia un commento