Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

18 Feb 2013

Video PLAYER programma di film dedicati agli artisti in mostra a cura dello Schermo dell’arte Film Festival al Museo Marino Marini.

In occasione di THE PLAYER. Viaggio nelle passioni contemporanee. Opere dalla collezione Sandra e Giancarlo Bonolli, a cura di Alberto Salvadori, il Museo Marino Marini, in collaborazione con Lo schermo dell’arte Film Festival presenta, a partire da mercoledì 20 febbraio, alle ore 21.00, Video PLAYER, una rassegna di film dedicata agli artisti presenti in mostra.
Tutti gli appuntamenti saranno a ingresso libero, fino ad esaurimento posti, e dalle ore 20.00 alle ore 21.00, sarà possibile visitare gratuitamente The Player.
The Player è un progetto annuale di indagine su preziose collezioni private italiane meno conosciute dal grande pubblico, un omaggio alla passione e alla ricerca che il collezionista ha espresso nella realizzazione della propria collezione come nel caso di Sandra e Giancarlo Bonollo, a cui è dedicata questa prima esposizione,  che da molti anni seguono con passione, competenza e silenziosa dedizione, il divenire e il percorso di artisti italiani e internazionali.
Protagoniste di questa mostra, aperta fino al 6 aprile 2013, sono le opere di Pavel Althamer, Darren Almond, Stefano Arienti, Tacita Dean, Jeremy Deller, Rineke Dijkstra, Keith Edmier & Farrah Fawcett, Olafur Eliasson, Urs Fischer, Giuseppe Gabellone, Mona Hatoum, Sarah Lucas, Marepe, Gabriel Orozco, Damián Ortega, Simon Starling e Piotr Uklanski.
Tutti i film in programma, a parte Urs Fischer di Iwan Schumacher, non sono mai stati proiettati all’interno delle precedenti edizioni de Lo schermo dell’arte Film Festival, e saranno in lingua originale.

our-hobby-is-depeche-mode-bassa.jpgtacita-dean-footage-courtesy-of-tate-media-tate-london.jpgdamian-ortega-bassa.jpg

Programma Video PLAYER


20 Febbraio 2013


Our Hobby is Depeche Mode di Jeremy Deller e Nick Abrahams, Regno Unito, 2007, 72′

Lingua: inglese, russo, tedesco; sottotitoli: inglese

In questo film Jeremy Deller, artista vincitore del Turner Prize nel 2004, e il regista Nick Abrahams raccontano il fanatismo che dagli anni Ottanta ha accompagnato la carriera del gruppo inglese dei Depeche Mode. Con le storie e le voci dei fan di tutto il mondo, Our Hobby is Depeche Mode svela storie straordinarie di fede e devozione, dalla Russia dove il “Dave Day” dedicato al cantante Dave Gahan è diventata festa nazionale, agli Stati Uniti, dalla Romania all’Inghilterra e alla Germania.


21 Febbraio 2013


Film (Tacita Dean) di Zara Hayes, Regno Unito, 11′

Lingua: inglese

Realizzato in occasione della commissione a Tacita Dean per la Turbine Hall della Tate Modern del 2011, Film è un breve documentario che introduce la poetica dell’artista e l’evoluzione del suo progetto. Prima della serie Unilever dedicata al cinema, l’installazione è un poema visivo in 35mm dedicato alle specificità del medium analogico.


Damiàn Ortega: Do It Yourself di Branka Bogdanov, Stati Uniti, 2009, 20′

Lingua: inglese, spagnolo; sottotitoli: inglese

Damiàn Ortega è uno degli artisti più significativi della nuova generazione messicana insieme a Gabriel Orozco. Noto per smontare oggetti di uso comune, quali il celebre Maggiolino Volkswagen, e rimontarli insieme, l’artista esplora in modo giocoso e immaginativo le parti costitutive di un’automobile, di un corpo, di un’abitazione o di un sistema economico. Do It Yourself presenta interviste con l’artista insieme a riprese del suo studio a Città del Messico e a Berlino, e immagini della collaborazione con un artigiano toscano per la produzione di alcune sculture in vetro soffiato.


Marepe di Marco Del Fiol, Brasile, 2006, 22′

Lingua: portoghese; sottotitoli: inglese

Primo artista brasiliano ad avere una mostra personale al Centre Pompidou, Marepe nasce nel 1970 a Santo Antônio de Jesus nella regione del Recôncavo Baiano. La sua ricerca si basa sull’elaborazione delle tradizioni locali, della storia e degli oggetti d’uso quotidiano del suo paese per dare vita a sculture capaci di mettere in discussione lo status istituzionale dell’opera d’arte e al tempo stesso di investire questi oggetti di uso comune di una valenza quasi spirituale.


Meeting with Olafur Eliasson di Marco Del Fiol, Brasile, 2011, 27′

Lingua: inglese

L’artista danese-islandese Olafur Eliasson, per la sua prima personale in America Latina, ha presentato alcuni nuovi lavori site-specific direttamente ispirati alle suggestioni della città brasiliana di Saõ Paolo. Nel film la genesi di queste opere, che invitano il pubblico a sperimentare con la percezione dei colori e con l’orientamento spaziale, è raccontata dalle parole dello stesso artista mentre assistiamo alla realizzazione della mostra.


14 Marzo 2013


Open Field (Gabriel Orozco) di Juan Carlos Martìn, Messico, Stati Uniti, Francia, Inghilterra, 2012, 75′

Lingua: inglese, spagnolo, francese; sottotitoli: inglese; spagnolo

Il regista Juan Carlos Martìn ha seguito per quasi 12 anni l’artista messicano Gabriel Orozco. Concentrandosi sul periodo in cui è avvenuto il suo consolidamento come figura chiave del panorama artistico internazionale, il film è un collage cinematografico fatto di interviste con artisti e curatori, di sequenze che registrano lo sviluppo del suo lavoro e di altri momenti in cui la camera entra in relazione diretta con alcuni dei suoi lavori più straordinari.


20 Marzo 2013


Urs Fischer di Iwan Schumacher, Svizzera, 2010, 98′

Lingua: inglese, svizzero tedesco; sottotitoli: inglese, italiano

Realizzato in occasione della prima mostra americana di Urs Fischer presso il New Museum di New York, il  documentario ricostruisce il percorso creativo di uno degli artisti più interessanti del panorama. Le immagini della preparazione dell’evento americano, che Fischer ha orchestrato come un’opera d’arte globale, si intrecciano a quelle di mostre precedenti allestite a Venezia, Londra, Sydney, Zurigo e Shanghai, e a dialoghi con l’artista stesso, con i suoi collaboratori e con Massimiliano Gioni, curatore del museo.

21 Marzo 2013

Rineke Dijkstra di Branka Bogdanov, Stati Uniti, 2001, 10’

Lingua: inglese, olandese; sottotitoli: inglese

Il cortometraggio segue l’artista olandese Rineke Dijkstra nel suo studio per svelarci il pensiero alla base delle sue serie fotografiche che hanno come protagonisti adolescenti, famiglie e donne ritratte a poche ore dal parto. Oggettività e rigore formale sono la caratteristiche principali di questi suoi scatti. Tuttavia, specie nelle pose degli adolescenti, ciò che emerge è il loro senso di disagio, di attesa e di difficoltà a definire il proprio ruolo.


Mona Hatoum di John Wyver, Regno Unito, 2001, 26′

Lingua: inglese

L’artista libanese Mona Hatoum ha realizzato nel 2002 tre nuove opere per l’inaugurazione della Tate Britain. Esposte con il titolo The Entire World as a Foreign Land,  questi nuovi lavori dimostrano il suo interesse per il tema della relazione tra identità individuale e la nozione di identità culturale, e più in generale, il senso di appartenenza.


Two Melons and Stinking Fish (Sarah Lucas) di Vanessa Engle, Regno Unito, 1996, 49′

Lingua: inglese

Girato con una piccola videocamera portatile, Two Melons and Stinking Fish è un intimo ritratto dell’artista Sarah Lucas, una delle figure preminenti della Young British Art, degli inizi degli anni Novanta. Il film, che include anche interviste a Jay Joplin, Barbara Gladstone, Tracey Emin, Angus Fairhurst, Gary Hume e Damien Hirst, restituisce lo stile di vita e l’approccio apparentemente spontaneo che contraddistingue il lavoro dell’artista.

Lascia un commento