Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

16 Apr 2013

Da Piero della Francesca a Piero Greci: visioni d’autori su “Un altro Piero” mercoledì a Firenze

altro-piero-firenze.gif Mercoledì 17 aprile alle 17, nella Sala Affreschi di Palazzo Panciatichi in via Cavour 4 a Firenze, verrà presentato il libro “Un Altro Piero”, di Marco Caneschi e Filippo Nibbi. L’altro Piero è il Greci, aretino illustre e personaggio singolare del Novecento cittadino, scomparso 7 anni fa, che i due autori hanno voluto ricordare in una pubblicazione che cerca di chiarire perché il Vasari, intellettuale della Controriforma prono ai Medici, nelle “Vite” non cita la “Madonna del parto”, opera dai risvolti infiniti, perfino paganeggianti, di Piero della Francesca.

Per risolvere questo mistero Marco Caneschi e Filippo Nibbi hanno messo in moto, oltre al Greci, una grande squadra: Liletta Fornasari, PierLuigi Massimo Puglisi, Fabrizia Fabbroni, Vittorio Dini, Piergiacomo Petrioli, Piero Ricci, Silvia Ronchey, Carlo A. Martigli, Giovanni Nocentini.

Il libro è un mosaico di opinioni che alla fine compongono un insieme affascinante per una delle opere più belle, e intricate, del Rinascimento.

Saluti di Giuliano Fedeli, Vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, interventi di Claudio Sartori, scrittore, già dirigente scolastico nei licei e docente presso l’Università dell’Età Libera di Arezzo e del consigliere regionale Marco Manneschi.

Lo stesso libro e gli stessi autori saranno poi protagonisti giovedì 18 aprile a partire dalle 18 a Sansepolcro nella sala del camino del ristorante “Il Fiorentino” a Sansepolcro dove verranno presentati da Alessia Uccellini e dal professor Piero Ricci, uno che il libro lo conosce bene perché coinvolto direttamente dagli autori e già docente di Sociologia della cultura nell’università di Urbino, Linguistica generale e Semiotica dell’arte nell’università di Siena e artefice presso la facoltà di lettere e filosofia di Arezzo del master “Le rotte del gusto”.

Lascia un commento