Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

11 Mag 2016

Un dialogo tra arte e cucina, tra Palazzo Strozzi e il Mercato Centrale Firenze

mcf_cucinare_ad_arte_banner-01-760×285.jpg

Mercoledì 11 maggio, ore 21.00, Mercato Centrale Firenze, Terrazza Ristorante Tosca
Ingresso libero fino a esaurimento posti
Incontro con Gualtiero Marchesi, Annamaria Tossani, Ludovica Sebregondi e Umberto Montano
Uno chef, una storica dell’arte, una giornalista enogastronomica e un imprenditore dialogano col pubblico sul tema del rapporto tra arti visive e arte culinaria: influenze, confronti, ispirazioni, legami.
Maestro indiscusso della gastronomia italiana e autore di numerose pubblicazioni tra cui la recente Opere/Works (Cinquesensi editore, Lucca), Gualtiero Marchesi ha sempre accompagnato il suo operare di contenuti culturali, spesso ricercando anche un diretto confronto con grandi artisti, alcuni dei quali protagonisti della mostra di Palazzo Strozzi. Col suo “Dripping di pesce”, un innovativo dripping a tre dimensioni, ha rinnovato la cucina ispirandosi all’Action Painting di Pollock e con “L’uovo al Burri”, ha tratto spunto dalle combustioni di Alberto Burri. Marchesi parlerà del rapporto tra arte e cucina in un originale dialogo con Ludovica Sebregondi e Annamaria Tossani, co-autrici tra l’altro di pubblicazioni come La tavola del Pontormo, volume realizzato in occasione della mostra di Palazzo Strozzi Pontormo e Rosso Fiorentino e dedicato a ricette create da venti chef contemporanei ispirandosi al diario e ai dipinti del Pontormo. Insieme a loro Umberto Montano racconterà il connubio tra l’arte contemporanea e il Mercato Centrale Firenze, luogo in cui artisti contemporanei internazionali come Daniel Buren e Michelangelo Pistoletto sono stati chiamati a produrre grandi installazioni poste in dialogo con l’architettura e la vita del mercato.

Lascia un commento