Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

6 Mar 2012

Roma. Andrew Rutt “Beautiful days, terrible times”, viaggio intimo nelle case e nel cuore dei transessuali del Pigneto.

 Intervista esclusiva ad Andrew Rutt il fotografo che da domani sarà alla  galleria Whitecubealpigneto di Roma con “Beautiful days, terrible times”.

di Lucrezia Alessia Ricciardi

beautiful-days-terrible-times-cs2.jpgbeautiful-days-terrible-times-cs3.jpg

- Andrew Rutt, fotografo e artista che cerca di riportare con le immagini - così immediatamente percepite - il mondo che lo circonda. Dal mondo polveroso della Biblioteca Angelica ai Transessuali del Pigneto.

Cʼè un filo conduttore nella sua ricerca, che vede sempre la persona così prepotentemente e direttamente al centro della foto?
Quando lavoro ho bisogno di uscire da me. Cerco l’incontro, il dialogo, la collaborazione, cerco di dare voce al rapporto che si viene formando in corso d’opera tra me e chi vuole partecipare ai progetti che propongo. I ritratti dei bibliotecari dell’Angelica sono stati scattati solo dopo aver parlato con loro, dopo averli, anche se per poco tempo, conosciuti: insomma, quello che tento di fare è di rappresentare un incontro, e constatare,  a lavoro ultimato, che mai mi sarei aspettato di arrivare fin la`.  Per la mostra al Pigneto è stato lo stesso: non sapevo nulla dei transessuali, se non come “categoria”,  e dunque ho tentato di incontrare  “la persona”. Insomma  l’arte ha fatto accadere qualcosa.

beautiful-days-terrible-times-cs4.jpgbeautiful-days-terrible-times-cs5.jpg

- Spesso, nelle foto che ritraggono transessuali cʼè un aspetto voyeristico, di curiosità, per questo tipo di persone che si fa morboso. Lei dà il mezzo direttamente ai soggetti e porta lo spettatore “dallʼaltra parte” nella loro intimità, nella loro fragilità, poi li ritrae come a dire “ora hai visto il mio mondo, questo è il mio viso”. Come è nato questo progetto e qual è stato lʼatteggiamento delle persone coinvolte?

La galleria proponeva una serie di mostre riguardanti il tema della “trasformazione”, tema ispirato a Myra Breckinridge, romanzo di Gore Vidal a suo tempo scandaloso, che narra  di un transgender che diventa donna, per poi tornare uomo. Allora ho voluto esplorare di persona la realtà dei transgenders dal momento che esiste una comunità proprio nei pressi della galleria.
Non è stato facile coinvolgerli, non ce l’avrei fatta senza l’aiuto della gallerista di Whitecubealpigneto, Rossella Alessandrucci, che ha contattato alcune di loro;  solo una, però,  si è resa disponibile e mi ha presentato alcune sue amiche, che a poco a poco si sono fidate di me e mi hanno permesso di entrare nel loro quotidiano. Ho fornito loro molte macchine usa e getta, ma solo quelle di Monica, Silvia e Maria Pia sono tornate indietro.

 - Cʼè una foto a cui è più legato rispetto alle altre?
In questa mostra prevale la coralità delle voci,  è l’insieme che parla… ma se dovessi indicarne una direi quella del bulldog inglese di beautiful-days-terrible-times-cs1.jpgMonica: si chiama Gennaro…

- Che messaggio vorrebbe arrivasse a chi guarderà le sue foto?

Che grazie all’arte è possibile dialogare e quindi conoscere o quanto meno avvicinarsi  a ciò  che fino a un momento prima era ignoto e ispirava diffidenza. Quindi il punto fondamentale per me non è  cosa è l’arte, ma cosa  fa  l’arte, cosa è capace di fare accadere. Nel mio caso è  stata capace di incontri rivelatori, capaci di svelare qualcosa nascosto e di unico.

************

foto in antreprima per gentile concessione dell’artista

si ringraziano l’uffiico stampa Flavio Alivernini e la Galleria Whitecubealpigneto per la gentilizza e disponibilità

***********

Info:

ANDREW RUTT  “beautiful days, terrible times”
a cura di Sguardo Contemporaneo

@ Whitecubealpigneto
7 marzo - 30 aprile 2012
Inaugurazione mercoledì 7 marzo 2012 ore 19.00
Galleria Whitecubealpigneto  |  Via Braccio da Montone 93, Roma
orari: dal lunedì al venerdì ore 17.30 – 20.30 (o su appuntamento)
www.whitecubealpigneto.com

Lascia un commento