Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

8 Mar 2012

Kensuke Shimizu, donnine, biciclette e stringhe al Lavatoio Contumaciale

di Arturo V. Adamo  -  Foto di Giuseppe Di Bartolomeo

kensuke-shimizu-ph-g-di-bartolomeo.jpgkensuke-shimizu-ph-g-di-bartolomeo-2.jpg

Teste piegate a cercare il verso giusto nel panorama caotico di rosso giallo verde e blu, tra biciclette lacci bottoni (veri) e donne dall’aria affaccendata. Il mondo rappresentato da Kensuke Shimizu, pittore e, a quanto pare poeta, giapponese, è un insieme di cose che si rincorrono e si mescolano, con colori nitidi e vivaci, un espressionismo che si versa nel graffito, con i contorni del più esasperato infantilismo. Ci si chiede, osservando il lavoro di Shimizu, e quasi peccando di faciloneria, come possano queste linee essenziali provenire dalle mani di un giapponese, figlio della terra dei manga.

kensuke-shimizu-ph-g-di-bartolomeo-3.jpgkensuke-shimizu-ph-g-di-bartolomeo-4.jpgkensuke-shimizu-ph-g-di-bartolomeo-5.jpg

Ma basta rileggere il suo curriculum infarcito di esperienze all’estero, dalla Finlandia agli Stati Uniti, dall’Inghilterra all’Estonia, fino ad arrivare all’attuale mostra al Lavatoio Contumaciale, a Roma per capire quanto sbagliato sia vedere dove comincia qualcosa e dove finisce senza capire il mentre. Ci si esprime con tanti linguaggi diversi, la scrittura, l’arte e qualcuno è capace di parlare più lingue. Kensuke Shimizu ha la fortuna e il merito di avere l’una e l’altra opportunità. Per questo, forse, non è riconoscibile la sua provenienza, o le influenze che l’hanno formato. Spurio di un mondo che riconosce al tatto e all’olfatto, i sensi che non sono ingannabili da viaggi virtuali. Forse questo suo viaggio orizzontale nei tre opposti modi di vivere la parte ricca del mondo l’ha riportato, per necessità ontologica, alle origini dell’uomo e di se stesso. Il tratto che sembra quello di un bambino mischiato alla semplicità dei graffiti di altre età, con colori accesi. Per questo  noialtri abbiamo bisogno di piegare la testa e cercare il verso giusto.

kensuke-shimizu-ph-g-di-bartolomeo-6.jpgkensuke-shimizu-ph-g-di-bartolomeo-7.jpg

Arturo V. Adamo

Kensuke Shimizu – 5 marzo 2012
Lavatoio Contumaciale – Piazza Perin del Vaga,  Roma

  1. 1 Comment(s)

  2. By armida nardi on Mar 11, 2012 | Reply

    la pittura-scrittura di Kensuke Shimizu mi riporta in un mondo infantile-onirico, un mondo che non si esplora più e del quale ,forse, ne avremmo bisogno, ho detto infantile, ma non è riduttivo, forze una purezza- gioco che vorrei ritrovare, bravo Kensuke

Lascia un commento