Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

23 Mag 2012

Christian Zanotto: AsAbaroK, dove i confini fisici e virtuali si confondono.

extortio-part-1.jpg christian-zanotto-_-anarka-detail-_-2011-_-immagine-digitale-trasferita-fotograficamente-su-cristallo.jpg  4-divinae-volontade-detail-5.jpg christian-zanotto-_-leave-the-planet-_-2011.jpg

(P.M.P.)

Lucido e definitivo come il commesso in pietre dure delle manifatture fiorentine, evocativo come gli altari spagnoli, ceruleo negli incarnati come le sculture lignee genovesi, Christian Zanotto  - vicentino, classe 1972 - stà per chiudere ad Amsterdam una mostra dal nome chiaramente e azzeccatamente evocativo, AsAbaroK.

In chiave spesso ironica e fetisch le superfici vitree di Zanotto sfiorano il macabro, senza mai raggiungere le vette di Gaetano Zummo, raro e introvabile artista del barocco mitizzato dal collezionismo dei grandi intenditori, con un gusto ricavato dai maestri caravaggeschi della grande pittura Spagnola dei Bodegones, inserendo nelle immagini spesso filmiche figure femminili accompagnate da misteriosi meccanismi dorati che rintracciano le emozioni dei maestri artigiani armaioli di corte, quelli che realizzavano spade e armature con la tecnica del niello così come misteriosi meccanismi di strumentaria per astronomi e naviganti, di cui nelle immagini si rintracciano le emozioni indelebili

zanotto.jpg extortio-part-4.jpg taura-slide-5.jpg horlogerie-pool-wallpaper1.jpg

Artista certamente virtuoso come un antico artigiano, nel gusto dell’atmosfera sofisticata da wuderkammern, è un po’ antiquario, obbligatoriamente italiano nella impostazione ma europeo nelle conclusioni, Zanotto realizza opere digitali che si materializzano su superfici di cristallo, opportunamente trattate, per mezzo della tecnica del trasferimento di immagini digitali attraverso un processo di esposizione fotografico.

Il risultato è fatto di lucenti lastre di cristallo su cui si condensano misteriose figure femminili, sacre e profane, madonne e pornostar virtuali, configurate come icone della lussuria e del potere, ieratiche dee della perversione e della voluttà. Un linguaggio sconosciuto ammantato dall’enigma e intriso di magia, personaggi legati da un lato ad un universo spirituale (segnalato dall’aureola) e dall’altro a quello del gioco, della guerra, della sensualita’

Le aureolate e sensuali figure femminili culmineranno in pittoriche elaborazioni di volti catturati attraverso il fermo-immagine, dove il viso, colto in un momento di godimento, si trasfigura in quello di colorate sante in estasi.

La mostra è ancora per pochi giorni alla Red StampArt Gallery di Amsterdam e la curatrice  Sonia Arata mette in risalto “I corpi transgenici, donne domine, che incarnano la coscienza di un ruolo femminile dominante, proprietarie di macchine dalla funzione oscura, che agiscono sulla nostra psiche alla stessa maniera delle immagini usate dagli antichi alchimisti o degli arcani dei tarocchi, che velano e al contempo svelano significati lontani e vicini, proprio come le immagini dei sogni.”

Informazioni:

AsAbaroK di Christian Zanotto, fino al  26 maggio 2012

Red Stamp Art Gallery | Rusland, 22, 1012 CL Amsterdam - NL  Tel. +31(0) 20 4208684 ; +31(0)6 46406531

Orario: 14.00 - 19.00 | Chiuso la domenica e il lunedì (su appuntamento) | Ingresso libero

foto-urbino.jpg leave-the-planet6.jpg opening_1.jpgtaura-slide-3.jpg 

 mimesi-detail-3.jpg the-end-cabaret-detail-1-1200pxh.jpg    zanotto-mimesi-detail.jpg opening_2.jpg

Lascia un commento