Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

20 Mar 2013

A Firenze 140 capolavori per una sensazionale Primavera del Rinascimento

firenze-cronistoria-1.jpg A Palazzo Strozzi un evento straordinario realizzato in collaborazione con il Louvre

(P.M.P.)

firenze-cronistoria-2.jpg firenze-cronistoria-3.jpg firenze-cronistoria-4.jpg firenze-cronistoria-5.jpg

firenze-cronistoria-6.jpg firenze-cronistoria-7.jpg firenze-cronistoria-8.jpg firenze-cronistoria-9.jpg

firenze-cronistoria-10.jpg firenze-cronistoria-11.jpg firenze-cronistoria-12.jpg firenze-cronistoria-13.jpg

firenze-cronistoria-14.jpg firenze-cronistoria-15.jpg firenze-cronistoria-16.jpg firenze-cronistoria-18.jpg

Dal 23 marzo al 18 agosto 2013 Palazzo Strozzi, a Firenze, sarà sede della mostra La Primavera del Rinascimento. La scultura e le arti a Firenze 1400-1460, concepita e realizzata in stretta collaborazione con il Museo del Louvre. In dieci sezioni tematiche, la rassegna illustrerà quel momento “magico” che a Firenze ha dato il via al Rinascimento all’aprirsi del Quattrocento, attraverso 140 opere, molte delle quali di scultura: l’arte che per prima si è fatta interprete di quella ‘rivoluzione’.

Dopo la sede fiorentina, l’esposizione si terrà a Parigi, al Museo del Louvre, dal 23 settembre 2013 al 6 gennaio 2014.
La rassegna riunisce una gran quantità di capolavori assoluti, provenienti da musei di tutto il mondo: opere di qualità straordinaria che illustrano come il Rinascimento in scultura preceda e influenzi, a Firenze, tutte le altre arti, compresa la pittura.

Attraverso opere del Ghiberti, di Donatello, di Nanni di Banco, Luca della Robbia, Nanni di Bartolo, Agostino di Duccio, Michelozzo, Desiderio da Settignano, Mino da Fiesole - ma anche attraverso dipinti di artisti come Masaccio, Filippo Lippi, Andrea del Castagno, Paolo Uccello - la mostra mette in luce il ruolo guida che la scultura ha avuto nella prima metà del Quattrocento per la nascita e lo sviluppo del linguaggio rinascimentale e la sua incidenza soprattutto sulla pittura fiorentina contemporanea.

Curata da Beatrice Paolozzi Strozzi, direttore del Museo Nazionale del Bargello, e da Marc Bormand, conservateur en chef del dipartimento di Scultura del Museo del Louvre, la rassegna ha permesso un’ampia e fondamentale campagna di restauri in Italia e in Francia - finanziata congiuntamente dalla Fondazione Palazzo Strozzi e dal Museo del Louvre - che permetterà al visitatore di ammirare molti capolavori rinascimentali, tornati a ‘nuovo splendore’: su tutti, il San Ludovico di Tolosa di Donatello, in bronzo dorato, smalti e cristalli di rocca, simbolo del genio sperimentale di Donatello, che fu anche nella tecnica un precursore della modernità.

La mostra è promossa e organizzata dalla Fondazione Palazzo Strozzi, dal Museo del Louvre, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dalla Soprintendenza PSAE e per il Polo Museale della città di Firenze e dal Museo Nazionale del Bargello, con la partecipazione del Comune di Firenze, la Provincia di Firenze, la Camera di Commercio di Firenze e l’Associazione Partners Palazzo Strozzi e Regione Toscana. Con il contributo dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze.

firenze-cronistoria-17.jpg firenze-cronistoria-19.jpg firenze-cronistoria-20.jpg firenze-cronistoria-21.jpg

firenze-cronistoria-22.jpgfirenze-cronistoria-23.jpg firenze-cronistoria-25.jpg firenze-cronistoria-26.jpg

Lascia un commento