Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

17 Mag 2013

Accademia di Belle Arti di Firenze, Scuola di scultura, Antoine Poncet, Lectio Magistralis

 Aula del Cenacolo ore 10.00 -

L’Accademia di Belle Arti di Firenze, Scuola di Scultura, promuove per il giorno 23 di maggio un appuntamento culturale volto a  far conoscere agli studenti dell’Accademia di Belle Arti, il percorso artistico di Antoine Poncet, ultimo rappresentante vivente dell’astrattismo francese della Scuola di Jean Arp, ma vuole essere anche l’occasione per instaurare un rapporto di scambio culturale con l’Accademia di Belle Arti di Parigi, prestigiosa Istituzione che  dall’ Accademia di Belle Arti di Firenze ha mutuato lo Statuto Storico della propria fondazione.

L’incontro vede la partecipazione del Presidente, Prof. Luciano Modica, e del Direttore, Prof. Giuseppe Andreani, e dei Professori dell’Accademia di Belle Arti di Firenze, che hanno curato l’evento.

L’Aula del Cenacolo dell’Accademia, dalle ore 10,00 alle ore 13,00, ospiterà Antoine Poncet, Scultore, Presidente Membre della Fondation Jean Arp, Presidente degli Amici di Antoine Bourdelle, Accademico di Francia e Presidente Emerito dell’Accademia Belle Arti di Parigi che terrà una Lectio Magistralis sul proprio percorso artistico, e racconterà la propria esperienza presso i Laboratori artistici Nicoli di Carrara.

Nel corso dell’incontro, moderato dalla Prof.ssa Francesca Taliani, Coordinatrice della Scuola di Scultura, partecipano  il Prof. GianDomenico Semeraro, Docente di Storia dell’Arte e la Prof.ssa Flavia Matitti, Docente di Storia dell’Arte. Flavia Matitti presenterà, unitamente all’autrice Francesca Alix Nicoli, critica d’arte e manager dei Laboratori Artistici  Nicoli di Carrara, il libro “Giù le mani dalla modernità” edito da Mimesis, collana Eterotropie.

Illustre ospite dell’incontro è l’Avv. Carlo Nicoli, Presidente Laboratori Artistici Nicoli di Carrara, che parlerà delle pagine di storia più importanti del prestigioso laboratorio di scultura, che giungono oggi alla settima generazione, e in particolare dell’amico Antoine Poncet, con cui ha condiviso i momenti più importanti del percorso artistico del grande Maestro, documentandone l’evoluzione.

L’opera di Poncet verrà presentata e discussa con l’artista anche tramite la proiezione di immagini che documentano l’opera del grande artista

L’ingresso alla conferenza è gratuito e rivolto agli studenti e al pubblico in generale. E’ gradita la prenotazione al numero 055/215449. 

Antoine Poncet nasce nel 1928 a Parigi. Nipote di Marcel Poncet, pittore e vetraio svizzero, scopre la scultura dall’età di 14 anni, dapprima con Reymond a Losanna, ed in seguito Germaine Richier a Zurigo (1942). Studia all’École des Beaux-Arts di Losanna dal 1942 al 1945. Borsista dello Stato francese, rientra a Parigi dove si stabilisce in modo definitivo  dal 1948. Diviene allora allievo di Zadkine e Gimond, incontra Hans Jean Arp (del quale sarà assistente dal 1953 al 1955), Brancusi, Laurens e si lega d’amicizia con Alicia PenalbaEtienne MartinFrançois Stahly, Walber. Nel 1956, Antoine Poncet partecipa alla Biennale di Venezia e riceve l’anno successive il Prix André Susse (Académie des Beaux-Arts). La sua prima mostra personale ha luogo nel 1956 alla Galerie Iris Clert di Paris. Antoine Poncet partecipa da allora a numerose manifestazioni. Nel 1960, è Membro della Giuria del PrixBourdelle, dal 1961 al 1965, partecipa alle Biennali di Anversa - Middelheim (Belgio), e nel 1963 al Simposio di scultura di Manazvru (Giappone). Nel 1969 è Presidente del Comitato del Salon de Mai. En 1983 riceve il Prix Henry Moore dal  Museo di Hakone (Giappone) e nel 1996 il Prix de l’Hermitage (Lausanne). Antoine Poncet è Membro dell’Accademia di Belle Arti.  E’ Presidente Emerito dell’Accademia di Belle Arti di Parigi.

Dopo gli studi classici Francesca Alix Nicoli si laurea in Storia della Filosofia e, di seguito, in Storia e Metodologia della Critica d’Arte. Le sue prime pubblicazioni vertono sul pensiero filosofico di David Hume nella produzione storiografica più recente, ed escono su riviste specialistiche universitarie. Nel 2004 dà alle stampe il primo libro di critica d’arte su “Le giuste premonizioni di Fausto Melotti”.  Interrompe gli impegni universitari come assistente volontaria alla cattedra di Storia della filosofia all’Università degli Studi di Bologna e fa rientro a Carrara per prendere in mano la direzione dell’azienda di famiglia, i Laboratori Artistici Nicoli che operano dal 1835 in campo internazionale. Da allora opera con i maggiori artisti contemporanei come production manager. Suoi saggi specialistici sono apparsi in cataloghi e volumi collettanei di arte contemporanea ed approfondimento critico, ed è collaboratrice di numerose riviste di settore e magazines, fra le quali Flash Art, Arte e Critica, Artribune, Segno. Presso Mimesis Editore nella collana Eterotopie è uscito nel 2013 il suo secondo libro “Giù le mani dalla modernità”.

Lascia un commento