Testata di informazione sul mercato dell'arte e la cultura
Direttore Paolo Vannini - Direttore Editoriale Pierluigi Massimo Puglisi

Articoli News Spettacolo Restauro Design Fotografia Antiquari, Gallerie e Musei Attenzione prego
Aste Europee Aste Italiane Aste Extra Europee Aste Press&Top Lots Libri e Riviste

11 Set 2017

Milano. Omaggio a Luc e Brunhild Ferrari

Spazio Erratum, Via Doria 20, Milano
19 settembre - 10 ottobre 2017
Inaugurazione martedì 19 settembre, ore 20; gli altri giorni apertura su appuntamento

Luc e Brunhild Ferrari

Nello spazio di consistenza poetica di Erratum, quasi come uno specchio, sono presentati alcuni Photogravures di Luc Ferrari scelti in opposizione dialettica con i Photomontages di Brunhild Ferrari Meyer come “rappresentazione spaziale” di un costante dialogo di lavoro e di vita. A cura di Sergio Armaroli e Steve Piccolo.

Erratum accoglie il nuovo libro biografico e documentario di Brunhild Ferrari e Jérôme Hansen Luc Ferrari, Musiques dans les spasmes, Ecrits (1951-2005), Les Presses du Réel, 2017, che verrà presentato il giorno dell’inaugurazione. Nello spazio sarà inoltre possibile ascoltare i suoni dell’installazione sonora a collage(s) quale tributo a Luc Ferrari realizzata a partire da un’idea in forma di Call di Steve Piccolo.

Per l’occasione verrà realizzata la performance del 1969 Tautologos III ou vous plairait - il de tautologuer avec moi? di Luc Ferrari con la partecipazione del pubblico per un massimo di sette partecipanti (necessaria la prenotazione all’indirizzo mail erratumemme@gmail.com). Nei giorni di apertura della mostra verranno discusse, in forma di esecuzione condivisa, le opere Société I, action pour le public (1965), Société VI, action pour public solo (1969) con la visione del video Spontané IV del 1962.

Accompagna l’esposizione un catalogo a tiratura limitata (50/50) con una raccolta di immagini private scattate, come “souvenirs”, durante la vita di Luc Ferrari in forma di photo album e roman photo con un contributo critico di Sergio Armaroli, una sovrascrittura di Steve Piccolo e testi di Brunhild Ferrari e Andrea Cernotto.

Lascia un commento